“Another Brick in The Wall” dei Pink Floyd: testo e traduzione

“Another Brick in The Wall” dei Pink Floyd: testo e traduzione
  • Commenti (11)
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

Il 2009 segna una ricorrenza importante: i 30 anni dalla pubblicazione dell’album “The Wall” dei Pink Floyd. L’album, uscito alla fine del 1979, non è stato definito tra i migliori della band ma sicuramente uno di quelli che più si ricordano, complice anche il successo del singolo portante “Another Brick in the wall”.

L’album “The Wall” dei Pink Floyd è stato una delle produzioni della band che più si ricordano anche grazie al film di Alan Parker. Il singolo portante del lavoro è stato sicuramente il motivo del grande successo. E’ un brano che conoscerete tutti sicuramente, amanti e non della band. Il titolo è “Another brick in the wall”. Vi propongo il testo e la traduzione per ricordarlo in questo anno importante.


We don’t need no education.
We don’t need no thought control.
No dark sarcasm in the classroom.
Teacher, leave those kids alone.
Hey, Teacher, leave those kids alone!
All in all it’s just another brick in the wall.
All in all you’re just another brick in the wall.
We don’t need no education.
We don’t need no thought control.
No dark sarcasm in the classroom.
Teachers, leave those kids alone.
Hey, Teacher, leave those kids alone!
All in all you’re just another brick in the wall.
All in all you’re just another brick in the wall

Ed ecco la traduzione in italiano.


Non abbiamo bisogno di educazione
Non abbiamo bisogno di essere sorvegliati
né di oscuro sarcasmo in aula
Professore, lascia in pace i ragazzi
Hey, professore, lascia in pace i ragazzi!
Tutto sommato, è solo un altro mattone nel muro
Tutto sommato, siete solo un altro mattone nel muro

Non abbiamo bisogno di educazione
non abbiamo bisogno di essere sorvegliati
né di oscuro sarcasmo in classe
Professori, lasciate in pace i ragazzi!
Ehi, professore, lascia in pace i ragazzi!
Tutto sommato, siete solo un altro mattone nel muro
Tutto sommato, siete solo un altro mattone nel muro.

Il video originale propone le scene del famoso film di Parker

365

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Sab 03/01/2009 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
2 maggio 2009 10:14

sempre attuali già 25 anni fà avevamo di problemi simili ma oggi è ancora peggio ma il mondo va avanti o resta fermo ….ANTONIO

Rispondi Segnala abuso
23 maggio 2009 11:35

graziee… questo sito mi ha salvato la vitaaaaaa( per la tesina)…

Rispondi Segnala abuso
8 giugno 2009 11:14

va bene…vedro di usarlo per la tesina!

Rispondi Segnala abuso
RiotBoy 10 ottobre 2009 14:22

Si dimentica sempre la parte iniziale… quella che crea suspace

When we grew up and went to school, there were certain teachers who would hurt the children anyway they could
by pouring their derision upon anything we did
exposing any weakness however carefully hidden by the kids.

Out in the middle of nowhere they were home at night
their fat and psychopathic wives
Would thrash them within inches of their lives!

Rispondi Segnala abuso
19 maggio 2010 19:53

vero!!!!!!!!
la parte iniziale mi serviva proprio!

Segnala abuso
Alex 2 maggio 2011 16:25

Education significa istruzione non educazione

Rispondi Segnala abuso
Anonimo 19 novembre 2011 13:57

è sempe stata una bella canzone e lo sarà sempre

Segnala abuso
Blacknasariu 3 luglio 2012 08:41

@RiotBoy rife 10 ottobre 2009 14:22: la parte di testo che tu hai trascritto non fa parte della canzone “Another brick in the wall”, ma bensi’, trattasi di un’altra canzone dal titolo “The happiest days of our lives (I giorni piu’ felici delle nostre vite)”… visto che qualcuno avrebbe dovutoutilizzarla per la tesina, sarebbe stato opportuno specificare la differenza.

Rispondi Segnala abuso
Anto 7 ottobre 2012 10:30

sbagli pure tu…f aparte della seconda parte della canzone….meglio informarsi tutti meglio no?

Segnala abuso
Blacknasariu 30 aprile 2013 14:14

@Anto rife 7 ottobre 2012 10:30: Assolutamente no! La frase che comincia con “When we grew up and went to school…” e’ una canzone a se’ stante dal titolo “The happiest days of our lives” e non e’ assolutamente la seconda parte della canzone, come tu asserisci. Nell’album “The wall” del 1979, esistono tre canzoni dal titolo “Another brick in the wall” differenziate solo con “part one”, “part two” e “part three” (rispettivamente tera, quinta e dodicesima traccia dell’album), fra la prima parte (3) e la seconda (5) c’e’ la canzone “The happiest days of our lives” di cui RiotBoy ha riportato il testo erroneamente riferendosi a “Another brick in the wall”. Informati… su internet (http://it.wikipedia.org/wiki/The_Wall) troverai tutte le informazioni che mi danno ragione; mi dispiace, ma essendo i PINK FLOYD il mio primo, unico e grande amore, non transigo! Se vuoi ulteriori informazioni, non esitare a contattarmi…

Rispondi Segnala abuso
Blacknasariu 30 aprile 2013 15:09

Aggiungo anche la versione CORRETTA del testo di “The happiest days of our lives”…

When we grew up and went to school
There were certain teachers who would
Hurt the children in any way they could
“OOF!” [someone being hit]
By pouring their derision
Upon anything we did
And exposing every weakness
However carefully hidden by the kids
But in the town, it was well known
When they got home at night, their fat and
Psychopathic wives would thrash them
Within inches of their lives.

Ma io mi domando e dico: chi scrive simili sciocchezze perche’ non si informa bene?
Fosse per me, cancellerei il testo pubblicato da RiotBoy… Mah?!?!?!

Segnala abuso
Seguici