Morta Etta James, la Signora del Rhythm and Blues

Morta Etta James, la Signora del Rhythm and Blues

E’ venuta a mancare a Riverside, in California, Etta James, morta a 73 anni dopo una lunga malattia. Ai più giovani il suo nome dirà ben poco, ma in realtà ‘Miss Peaches’ – così come veniva soprannominata – è stata una delle più grandi voci del XX secolo, la vera Signora del Rhythm & Blues, vincitrice di innumerevoli riconoscimenti tra cui 6 Grammy Awards senza contare il trionfale ingresso del ’93 nella Rock and Roll Hall of Fame.

Difficile dire quale sia stata la perla più luminosa della sua infinita discografia, composta da 28 album, 58 singoli, 3 live e 6 compilation. Molto probabilmente è la soave ‘At Last‘, datata 1961, il brano che meglio di ogni altro seppe valorizzare lo straordinario timbro blues di Etta James, ma anche la più ritmata ‘I Just Wanna Make Love To You‘ non è da meno. Difficile scegliere…

Nata a Los Angeles il 25 gennaio 1938, Etta James, talento precocissimo che già a 5 anni cantava in un coro gospel, deve parte del suo successo al musicista Johnny Otis – per ironia del destino scomparso proprio qualche giorno fa – che ideò il suo pseudonimo (invertendo il vero nome di battesimo, Jamesetta) e che, soprattutto, prese sotto la sua ala protettiva il trio blues del quale faceva parte la James, The Creolettes, portandolo al successo. La storia di questo giovanissimo trio è stata poi raccontata qualche anno fa nel bel film Cadillac Records, con la popstar Beyoncé nelle vesti proprio di Etta James.

Ecco, proprio l’ex Destiny’s Child, insieme nientepopodimeno che al presidente Obama e alla first lady Michelle, è stata l’ultima vittima delle celebri sfuriate di Etta James, la cui luminosa carriera artistica è purtroppo andata di pari passo con i suoi eccessi (l’eroina è stata una sua triste compagna per decenni): successe in occasione della festa per l’insediamento alla Casa Bianca della nuova coppia presidenziale, quando la scelta della canzone per il primo ballo cadde proprio su ‘At last’ ma ad interpretarla fu chiamata Beyoncé e non la vera Signora del Rhythm and Blues. Che, come suo costume, non le mandò a dire ricoprendo di contumelie gli augusti protagonisti della vicenda. L’ultimo colpo di coda della sua vita.

401

Segui Music Room

Ven 20/01/2012 da in

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici